Piscine di Codigoro, corsi di nuoto, sport e relax  

Nuoto: Ventiduesimo posto al Trofeo Endas per gli atleti di categoria

Si è svolto a Ravenna domenica 20 marzo il Trofeo Endas, prima gara in vasca lunga della stagione agonistica. Il gruppo di nuotatori di categoria di Codigoro ha partecipato con un buon gruppo di atleti motivati sia dal riscontro cronometrico in vasca olimpionica che dal confronto con altre realtà sportive che partecipano ai meeting primaverili ed estivi. Interessante il meccanismo dell’assegnazione dei punti per la classifica a squadre che prevede che solo il primo atleta di ogni società ottenga un punteggio utile.

La vasca era gremita già dal riscaldamento che è iniziato prima dell’orario previsto: nonostante il tempo a disposizione, lo spazio era affollatissimo ed effettuare un buon scioglimento atletico è stato praticamente impossibile.

Le gare si sono aperte con i 100 farfalla, nei quali ha gareggiato Matteo Aguiari: Matteo accusa un po’ la disabitudine psicologica a nuotare in vasca lunga e la respirazione accompagnata dalle spalle alte limita un po’ l’allungo sul recupero;  1’14”94 è il suo riscontro cronometrico.

Nei 200 stile libero si confrontano nella stessa serie Francesca Ferroni e Giada Buoso. Francesca parte alla carica cercando di stare al passo con la nuotatrice più accreditata della batteria: ai 150 metri verifica le proprie energie e parte all’inseguimento dell’avversaria che la precede nel tocco della piastra per solo 27 centesimi di secondo. La Ferroni chiude la gara in 2’19”30 amareggiata per il secondo posto in batteria; il riscontro cronometrico non la soddisfa pienamente ma lei chiosa positivamente con un “Vabbé, li rifarò alla prossima!”  Francesca comunque conquista il nono posto e tre punti per la classifica a squadre. Giada invece accusa il passaggio alla vasca da 50 metri: “La vasca lunga è un po’ troppo lunga per i miei gusti” dice commentando il suo tempo di 2’34”23.

Nei 100 dorso Sara Gulmini accusa un dolore alla spalla e fatica a tenere una bracciata ampia e frequente: il suo crono è di 1’21”74.

Le numerose serie dei 100 stile libero iniziano con le gare femminili. La prima a scendere in vasca è Valentina Ferro, che già ai 25 metri perde il ritmo della bracciata e fatica a mantenere la velocità di partenza chiudendo la gara in 1’12”53. Elisabetta Gnudi punta all’1’08” ma si deve accontentare del tempo di 1’10”23, mentre Giada Buoso ferma il cronometro su 1’09”51. Le cadette Eleonora Crepaldi ed Alexa Lusha si sfidano nella stessa serie: la spunta Eleonora con il tempo di 1’13”26 mentre Alexa chiude in 1’15”27. Tra i maschi Thomas Ferrari arriva stremato alla fine delle due vasche e tocca la piastra in 1’08”02 mentre Filippo Barillari non si fa intimorire dalla vasca lunga e ferma il cronometro su 1’07”26. Non è soddisfatto Andrea Pozzati del suo 1’02”30, che è un buon tempo al di là delle aspettative dell’atleta: sarà stata colpa del “pallame” intorpidito dal costume troppo aderente?

Nei 50 stile i tempi fanno fatica a rimanere allineati a quelli della vasca corta: le juniores Elisabetta Gnudi e Sara Gulmini chiudono rispettivamente in 31”66 e 34”47 mentre le Cadette Eleonora Crepaldi ed Alexa Lusha fermano il cronometro su 33”14 la prima e 34”32 la seconda. Tra i maschi Matteo Aguiari si dimena un po’ troppo e tocca la parete in 31”56; Thomas Ferrari ci mette molta grinta e chiude in 30”63 mentre Andrea Pozzati  ferma il cronometro su 28”14.

Le ragazze che gareggiano nei 100 rana conquistano invece altri due punti per la classifica a squadre: un punto lo guadagna Valentina Ferro, diciassettesima tra le ragazze in 1’27”72 e un punto lo conquista Francesca Ferroni col quattordicesimo posto tra le juniores in 1’24”74. Tra i maschi Filippo Barillari ferma il cronometro su 1’24”55.

I cinque punti utili conquistati da Adria Nuoto permettono alla squadra di piazzarsi al ventiduesimo posto nella classifica di società.

Area download
Scarica i files
Seguici su Facebook