Piscine di Codigoro, corsi di nuoto, sport e relax  

Verso il campionato di Promozione: parla mister Bulgarelli

Siamo ormai alle porte di questo campionato di serie D per Adria Nuoto, la quale come lo scorso anno giocherà nel girone dell’Emilia Romagna e delle Marche. Otto squadre partecipanti, sei emiliane e due marchigiane. Oltre ad Adria Nuoto, il girone si completa con Cabassi Carpi, Valmar Novafeltria, San Severino, Acquatica Pisaurum, Ondablù Formigine, Olimpia Vignola, NC Faenza.

La squadra adriese si affaccia a questa stagione carica di energia e trepidazione. In questo cammino che ci porterà fino a sabato 13 Febbraio, data di esordio in casa contro Valmar Novafeltria, abbiamo intervistato in primis il mister di questo gruppo, Daniele Bulgarelli.

Coach, innanzi tutto le chiedo, cosa si aspetta da questa stagione?

Le aspettative di questa stagione sono senza dubbio quella di crescere ulteriormente come gruppo, come squadra e, di conseguenza, crescere singolarmente come atleti.

Si è fissato un obiettivo per questo campionato?

In un certo senso mi ricollego alla risposta precedente. Il mio obiettivo è quello di dare sempre il massimo, cercando di giocarcela alla pari contro tutti e, come dico sempre, i conti si fanno sempre alla fine, consapevoli però di aver fatto tutto il possibile. Questa da sempre è la filosofia che cerco di trasmettere ai miei giocatori.

A proposito di giocarsela contro tutti, pensa sia presto per tornare in serie C o può essere questo l’anno buono?

Io non credo che sia una questione di “troppo presto” o “anno buono”. Credo invece che ci siano due squadre sicuramente più attrezzate di noi, che senz’altro possono puntare alla promozione. Parallelamente sono convinto che se la squadra saprà trovare i giusti equilibri ci si potrà prendere qualche soddisfazione e magari chissà… Ma questo sarà compito dell’allenatore, prima che dei ragazzi.

Parliamo della rosa. Si parla spesso dei giocatori senior e delle nuove reclute. Adria Nuoto è un perfetto mix di ambedue le categorie. Crede sia questa la ricetta perfetta per crescere?

L’importante è che tutti, sia i più grandi che i più giovani, facciano la propria parte e che siano disposti a sacrificarsi per la squadra. Non si tratta di ricette, ma quando c’è la passione, la voglia e un pizzico di fortuna che non guasta mai, diventa più facile raggiungere i risultati. Da una parte pretendo che i più vecchi diano le linee guida e l’esempio ai più giovani che si affacciano alla prima squadra; ma allo stesso tempo chiedo ai giovani di saper ascoltare i consigli dei più grandi. Ho a disposizione 17 ragazzi che vanno dai 15/16 anni fino ai 28. Sarà compito dei miei ragazzi mettermi in difficoltà ogni settimana per conquistarsi un posto tra i convocati. Nessuno ha il posto assicurato.

Nel corso di questi ultimi anni diversi sono stati i giocatori che hanno lasciato la squadra e alcuni però sono anche tornati: in che modo un allenatore riesce a far fronte a questi cambiamenti all’interno della rosa?

Sono ormai 10 anni che alleno la prima squadra di Adria Nuoto. In questi anni le formazioni, effettivamente, sono spesso cambiate per svariati motivi: studio, lavoro e per così dire, di abbandono precoce. Non dimentichiamoci però che alcuni dei nostri ex allievi ora militano in serie maggiori. Nonostante ciò, abbiamo sempre saputo proporre una squadra all’altezza e competitiva, grazie soprattutto al duro lavoro di base da parte del nostro settore tecnico giovanile. Io ho si la fortuna di allenare la prima squadra, ma dietro di me c’è il lavoro di tante altre persone che, come me, condividono questa passione che è la pallanuoto. E a proposito, mi fa piacere ricordare che nel nostro vivaio, abbiamo sempre schierato ragazzi nati e cresciuti all’interno delle nostre strutture.

Ringraziamo vivamente mister Bulgarelli al quale va l’augurio più grande per questa importante avvio di stagione. (@cececaste)

Area download
Scarica i files
Seguici su Facebook